Come creare un’infografica o un grafico interattivo con Infogram

Infogram Infografica grafici interattivi

La fantasia è come la marmellata, bisogna che sia spalmata su una solida fetta di pane.

Italo Calvino

Anche un grafico e una infografica vanno saputi spalmare su solidi siti o applicazioni, in modo che possano risultare utili per il lavoro di giornalista o per raccontare un approfondimento (grazie a mappe, grafici, report, etc). Un esempio pratico lo si può vedere con Daily Infographic, che quotidianamente pubblica un’infografica sul suo sito spaziando su tantissimi argomenti.

Il punto a favore di un’infografica è fornire in maniera originale delle informazioni che arrivano al lettore più rapidamente rispetto a una grande mole di numeri e cifre elencate su una pagina o su uno schermo. Si può anche facilmente rendere il tutto più appetibile con l’uso dei colori.

Proviamo a capire come creare facilmente e rapidamente un’ infografica, passo passo, usando il sito infogram.com.

Se ti interessano altre applicazioni o strumenti a tema giornalistico scarica gratis il nostro ebook: clicca qui.

Infogram

Infogram mette a disposizione diversi pacchetti e per cominciare si può sottoscrivere l’abbonamento gratuito che comunque consente l’utilizzo di oltre 30 tipologie di grafici (insieme a diversi tipi di infografiche). Un punto forte di questo sito è che ti consente di trasformare i dati che hai raccolto su excel (in formato .csv o .xls) importandoli sul tuo grafico in modo molto intuitivo.

1. iniziare la creazione

La prima cosa che vedrete una volta che vi sarete registrati (tramite Google, Facebook, oppure creando un vostro profilo ad hoc sulla piattaforma) saranno queste opzioni.

La schermata iniziale, prima di selezionare un lavoro

Qui potrai scegliere che genere di lavoro incominciare. Ogni opzione ha delle proprie peculiarità che si notano subito aprendo i templetes gratuiti offerti da Infogram. Qui di seguito proviamo a sviluppare il progetto Map, che comunque ha dei passaggi molto simili agli altri progetti.

2. Usare i templetes offerti

Una volta che abbiamo dato il nome al nostro progetto e deciso se lo vorremo tenere pubblico o privato, troveremo questa schermata.

La sezione mappe di Infogram

Ci accorgiamo subito che nel pacchetto gratuito ci sono a disposizione, sulla sinistra, le mappe  del mondo e degli Stati Uniti. Per utilizzare anche le altre 600 mappe è possibile fare il passaggio da abbonamento gratuito a pro in qualsiasi momento.

3. Inserire i dati (da edit data)

Se si hanno già dei dati precedentemente registrati su Microsoft Excel o su Open Office Calc, si possono esportare per caricare su Infogram (Upload File). Infatti una volta inserita la mappa sulla destra ci appaiono tantissime opzioni per modificare a nostro piacimento i numeri che si aggiorneranno automaticamente sul grafico. Ci sono poi altre opzioni aggiuntive che permettono di modificare i colori, lo zoom, il font, la legenda etc.

4. condividere la propria infografica

Appena tutto sarà completato basterà decidere come rendere pubblica (o mantenere privata) la nostra infografica. Si potrà scaricare (in formato .jpg .png per le immagini o .pdf) o condividere cliccando su share. La condivisione può avvenire sui social media, con embed (incorporando l’immagine su un sito Internet) e tramite email.

Qui di seguito trovate il risultato di un nostro tentativo su Infogram, utilizzando i dati di Google Analytics delle persone che visitano il sito di Giornalisti al Microfono in base alla loro geolocalizzazione. Questo ha reso possibile la scoperta di persone che ci sono venute a trovare anche da Singapore e dalla Nuova Zelanda 🤩

Se hai dei dubbi o dei problemi (o provieni dall’Oceania o dall’Estremo Oriente) contattami in privato su Telegram, oppure scrivi nella chat qui in fondo a destra. Ti risponderò il prima possibile.

Ascolta i podcast di Giornalisti al Microfono: clicca qui.

1 Condivisioni

Autore: Francesco Guidotti

Appassionato e curioso della novità. Scrivo dal 2011. Ho fondato Barre di Plutonio, ho collaborato con Basketinside.com, TeleIride, ItalHoop, Sportando e Firenze Basketblog. Adesso mi lancio (sperando di non farmi male) anche nel progetto Giornalisti al Microfono.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.